Disturbo Da Rumore

Ho provato a verificare le immissioni rumorose con una normalissima app fonometro installata sullo smartphone , inutile dire che ho registrato anche picchi di 25 deciBel oltre il rumore di fondo, con una media di più 10/15 deciBel. È bene ricordare che per legge non sono previste misurazioni di tali tipi di rumore. Certo è che le regole di buon senso dovrebbero essere innate in ognuno di noi. Per esempio la vicina che passa l’aspirapolvere alle 6 del mattino, oppure l’adolescente che accende musica a tutto volume nel primo pomeriggio, probabilmente non hanno ancora inteso che potrebbero infastidire qualcuno.

Il piano terra dello stabile è riservato ad alcuni esercizi commerciali, essendo di ampia metratura, tra cui una libreria, una cartolibreria e lo studio privato di una pediatra. Tutti questi locali e i portoni delle palazzine si affacciano sulla galleria comune. Lo spazio ora occupato dalla sala giochi, grande circa 200 mq, fino a qualche tempo fa era di proprietà del costruttore del condominio stesso, il quale per tanti anni lo ha adibito a sede del Circolo Cittadino, poi ha venduto ad un artigiano della zona che, subito dopo l’acquisto lo ha locato ai titolari della sala giochi.

  • Ovviamente però non è sempre facile stabilire se e quanto un rumore sia molesto.
  • Per mia fortuna (sic!) dopo liti , dopo quattro anni di mail a tutti gli uffici comunali, le serate sono diventate da sette alla settimana ad una alla settimana.
  • La situazione è veramente di grande disagio, perché anche i tram più nuovi stridono e sferragliano, sembra di vivere in una stazione ferroviaria, anzi in un’acciaieria.
  • Una cosa è battere con il martello alle 11 del mattino, altra cosa a mezzanotte.

Il giardino non presenta recinzioni che ne consentono un eventuale chiusura. È impensabile vivere con 14/15 ore di continuo rumore tutti i giorni della settimana. Vi scrivo per avere informazioni riguardo un problema di disturbo alla quiete pubblica. Per prima cosa ho un asilo davanti casa che in estate è aperto anche a luglio e tiene i bambini all’aperto con una piscina e spazio verde dove ci sono continui urla e schiamazzi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17 circa. Poi, qualche metro più avanti, c è un ristorante con tavoli alle aperto e parco giochi per bambini che di sera dalle 20 alle 24 si trasforma in un parco giochi con urla e schiamazzi allucinanti tanto da poterli sentire con le finestre chiuse. Il reato di disturbo della quiete pubblica scatta quando un rumore che non rispetta la soglia di tollerabilità, fissata in 3,5 decibel dalla legge, disturba la quiete di un numero indefinito di persone e non un singolo cittadino.

Il rumore che deriva da qui è forse anche più insopportabile di quello della sala ballo, perché quest’ultima almeno viene prevalentemente utilizzata il sabato, mentre il rumore della sala giochi c’è quasi esclusivamente le sere dei giorni lavorativi e sempre dopo le 23.00 (a volte ben oltre l’orario di chiusura, fino verso l’1.00). L’altra settimana chiamando il 113 ci è stato chiesto di parlare più forte perché non sentivano niente con tutta quella musica…chiamavamo dalla camera da letto! Li abbiamo chiamati tutti gli anni ma oltre al fatto che sembrano sempre scocciati della chiamata, ci dicono sempre che il comune spesso da l’autorizzazione a questi http://www.konnatee.com/work-bird-wp/casino-en-ligne-quebec/ concerti anche fino alle 2 o addirittura 3 di notte! Facendo pressione sul volume, alla fine intervengono e spesso fanno terminare il concerto (vuol dire che queste autorizzazioni non sempre ci sono!).

Ora sono stati fatti dei lavori nel locale con ampliamento della piscina e della palestra, e montaggio di un potente impianto di amplificazione. Abito in un condominio, pochi piani sopra ad una kebabberia/bar (all’interno del mio stesso palazzo) che produce rumori molesti fino a tarda notte, dovuti a musica a volume elevato. Secondo le normative del mio comune, è consentito ascoltare musica nei pubblici esercizi solo fino alle ore 24. Con alcuni condomini abbiamo provveduto ad inviare un esposto ai vigili in cui descrivevamo la situazione; qualche giorno dopo un agente è passato dal negoziante a raccomandarsi di non far sostare le persone a bere sulla via. Nonostante anche gli altri condomini siano infastiditi da questo, io sono quello più esposto ai rumori in quanto abito al primo piano e la mia finestra è proprio sopra il pezzo di strada in cui sostano a bere e parlare. Siamo molto stressati da questa situazione e non sappiamo come muoverci per risolvere il problema.